TECNICHE DI COMUNICAZIONE E SOFT SKILL

Docenti: 
CARDINALI ALICE
Codice dell'insegnamento: 
10913*17036*2017*2017*9999
Crediti: 
3
Sede: 
PARMA
Anno accademico di offerta: 
2017/2018
Semestre dell'insegnamento: 
Primo Semestre
Lingua di insegnamento: 

ITALIANO

Obiettivi formativi

Al termine del corso ci si aspetta che lo studente:
- Sia in grado di riconoscere le competenze trasversali negli altri
- Sia in grado di comprendere l’importanza delle soft skill e si adoperi per implementare le proprie competenze trasversali
- Sappia comunicare in maniera chiara con i propri interlocutori

Contenuti dell'insegnamento

Il corso si propone di far riflettere gli studenti sull’importanza delle soft skill e della comunicazione, nel mondo del lavoro e nelle relazioni interpersonali in genere.
Il corso permetterà di sottolineare come, contrariamente a quanto si pensava in passato, le conoscenze teoriche e l’esperienza tecnica non siano sufficienti per assicurare ottimi risultati, ma debbano essere affiancate dalle competenze trasversali.
Si rivolgerà pertanto l’attenzione alle differenze tra hard skill e soft skill, sottolineando come le prime siano facilmente misurabili, a differenza delle seconde. Se grazie all’utilizzo di test possiamo stabilire chi possiede le migliori competenze linguistiche, informatiche ecc. è più complesso determinare chi è il migliore in innovazione, creatività, comunicazione ecc..
Si sottolineerà come le competenze soft e hard non debbano considerarsi in antitesi, ma complementari.
Fondare tutto sulle capacità tecniche significherebbe infatti non avere sufficiente consapevolezza di quanto i rapporti umani condizionino ogni iniziativa. D’altra parte l’assenza di valide competenze tecniche non potrà essere compensata in toto dalle capacità di comunicazione, relazione ecc.
Si rifletterà su come le soft skill, a differenza della hard skill, includano abilità trasversali di tipo relazionale e comportamentale che dipendono dalle inclinazioni innate della persona e si rivelano difficili da imparare senza una predisposizione di base.
E’ proprio la difficoltà ad insegnare le soft skill e a condividere i valori dell’impresa che spinge spesso le aziende a preferire in fase di selezione candidati che possiedano già le «competenze leggere» richieste.
Naturalmente le soft skill costituiscono un potenziale punto di forza ancora più importante per i neo laureati che, essendo in genere privi di esperienza professionale, possiedono un bagaglio ridotto di competenze tecniche acquisite sul campo.

Programma esteso

1 lezione: Presentazione del percorso formativo,
soft skill e hard skill
2 lezione: Come si collegano le soft skill con I ruoli previsti nell’area ICT
3 lezione: Come si apprendono e si sviluppano le soft skill che non si studiano sui libri.
Saper gestire le proprie aspettative in modo realistico nel contesto aziendale.
4 lezione: Differenze tra gli stili comunicativi.
Come comunicare efficacemente con i propri interlocutori.
5 lezione: Saper vendere, in senso positivo, sé stessi, una propria idea, un progetto o una soluzione.
Saper negoziare con gli altri.
6 lezione: La gestione del tempo e delle priorità.
7 lezione: Il problem solving e il pensiero creativo.
8 lezione: La condivisione e la risoluzione dei problemi all’interno del gruppo di lavoro.
9 lezione: Tecniche di public speaking.
Come gestire in maniera efficace le comunicazioni in azienda.
10 lezione: Chiarimenti e approfondimenti sul programma del corso.

Bibliografia

SOFT SKILL
Con-vincere con le competenze trasversali e raggiungere i propri obiettivi
Autore: Gaetano Carlotto
Editore: Franco Angeli
Ultima edizione disponibile

LAVORARE CON INTELLIGENZA EMOTIVA
Autore: Daniel Goleman
Editore: BUR (Biblioteca Universale Rizzoli)
Ultima edizione disponibile

Metodi didattici

Il corso si articola in lezioni frontali con esposizione orale dei temi che costituiscono oggetto dell’insegnamento, correlate da numerosi esempi tratti dal vissuto aziendale del docente, volti a ridurre lo spazio che spesso si denota tra mondo universitario e mondo del lavoro.
Durante l’attività didattica (che comprende un totale di 21 ore) sarà privilegiata l’interazione con la classe e verranno effettuate esercitazioni pratiche guidate, volte a mettere in pratica quanto esposto durante la lezione.
Durante le lezioni verranno proiettate slide che saranno messe a disposizione degli studenti tramite la piattaforma dedicata (ELLY).
Le slide proiettate costituiranno materiale integrativo e di supporto agli argomenti trattati in aula e non dovranno essere considerate sostitutive dei testi di riferimento indicati.

Modalità verifica apprendimento

La valutazione dell’apprendimento, espresso in trentesimi consisterà in una prova scritta.
Verranno sottoposte allo studente n. 6 domande aperte.
Ad ogni domande verrà assegnato un punteggio tra 0 e 5.
Il tempo totale a disposizione sarà di 1 ora e 45 minuti.
Durante la prova lo studente non potrà avvalersi di appunti o libri di testo, né di altri supporti cartacei od elettronici.